X

Olá! Você atingiu o número máximo de leituras de nossas matérias especiais.

Para ganhar 90 dias de acesso gratuito para ler nosso conteúdo premium, basta preencher os campos abaixo.

Já possui conta?

Login

Esqueci minha senha

Não tem conta? Acesse e saiba como!

Atualize seus dados

Pernambuco
arrow-icon
  • gps-icon Pernambuco
  • gps-icon Espírito Santo
Pernambuco
arrow-icon
  • gps-icon Pernambuco
  • gps-icon Espírito Santo
Espírito Santo
arrow-icon
  • gps-icon Pernambuco
  • gps-icon Espírito Santo
Espírito Santo
arrow-icon
  • gps-icon Pernambuco
  • gps-icon Espírito Santo
Fundo Fundo

Bento Venturim: L'arrivo degli italiani ha cambiato l'economia dell'Espírito Santo

Il presidente del Sicoob-ES sottolinea l'influenza degli immigrati nella produzione del caffè



Imagem ilustrativa da imagem Bento Venturim: L'arrivo degli italiani ha cambiato l'economia dell'Espírito Santo
Bento Venturim è un appassionato delle iniziative volte al miglioramento della qualità del caffè dell'Espírito Santo. |  Foto: Fábio Nunes / AT

"Gli immigrati che sono venuti in Espírito Santo hanno costruito la pluralità del popolo capixaba. Tutti, indipendentemente dall'origine, meritano un posto nella nostra memoria. A meno di un mese dal celebrare i 150 anni dell'immigrazione italiana in Brasile, dobbiamo riconoscere il contributo storico, culturale ed economico delle generazioni di italo-capixabas alla nostra terra.

L'arrivo degli italiani ha cambiato il nostro percorso economico e, senza dubbio, ha diversificato la nostra economia. Gli italiani hanno portato la cultura della produzione del caffè nello Stato, insieme ai tedeschi e ai polacchi. Il sogno di costruire l'America, tuttavia, richiedeva duro lavoro, pionierismo e coraggio.

Primi anni

Sono nato a Venda Nova do Imigrante e sono nipote di italiani, mio nonno Francesco Venturin, che è venuto in Espírito Santo all'età di 8 anni con la sua famiglia. Mio nonno è venuto dal Veneto, precisamente da Belluno, nel nord Italia, nel 1882, direttamente nella regione di Alfredo Chaves, fino a quando non è andato a Venda Nova do Imigrante.

Nonno Chico è stato, addirittura, il primo immigrato italiano della città, ovvero Francesco Venturin è l'italiano che dà il nome all' 'immigrante' di Venda Nova. All'epoca, tutte le grandi famiglie italiane fuggivano dalle difficoltà post-guerra. Nonostante il contesto, abbiamo costruito ricordi indimenticabili in famiglia.

Tutti vivevamo a meno di 2 km di distanza e per questo vivevamo nelle case dei cugini, giocavamo insieme, andavamo nella stessa chiesa e facevamo feste. La mia famiglia è venuta dall'Italia per lavorare nella coltivazione del caffè, quindi il caffè è sempre stato molto presente nella nostra routine.

I miei genitori hanno sempre valorizzato l'istruzione. Per questo, a 9 anni, sono uscito da Venda Nova do Imigrante, che non aveva ancora l'elettricità, per studiare in un collegio interno, a Marilândia.

Fin da piccolo abbiamo imparato a gestire la proprietà rurale e a perseguire i nostri sogni. Non sapevo all'epoca, ma il cambiamento è stato l'inizio della costruzione del mio percorso.

Cooperativismo

Gli italiani hanno una forte vocazione per il cooperativismo. Facevamo tutto attraverso l'associativismo. Mio padre, a Venda Nova do Imigrante, faceva parte di una cooperativa agricola che, all'epoca, era la più grande dell'Espírito Santo. Partecipava al consiglio di amministrazione e, per questo, ero già presente alle riunioni e alle assemblee.

Nel 1970, mi sono trasferito a São Gabriel da Palha, dove produciamo caffè, e ho iniziato a studiare legge a Colatina. Mi sono associato alla cooperativa dei coltivatori di caffè e, nel 1988, dopo essere passato attraverso i consigli di amministrazione e di controllo, ho costituito una cooperativa di credito di cui sono diventato vicepresidente. Otto anni dopo, ho assunto la presidenza.

Questa cooperativa di credito oggi fa parte del sistema regionale Sicoob-ES. All'epoca, ho contribuito alla costituzione della Centrale del Sicoob-ES e, nel secondo anno, ho assunto la presidenza, incarico che ricopro ancora oggi, celebrando i 35 anni di attività del sistema regionale nello Stato.

Come le associazioni, il cooperativismo è fondamentale per il successo economico dello Stato, e questo si può vedere guardando a tutto ciò che i nostri colonizzatori hanno costruito.

Il Sicoob-ES fa parte di un'istituzione nazionale e, nonostante si sia adattato alle tecnologie e offra tutti i comfort del digitale, ha filiali in tutto il Brasile.

Questo è molto caratteristico del cooperativismo: sei vicino e hai un rapporto stretto con le persone. Questa è l'essenza di ciò che facciamo.

Cafficultura contemporanea

Oggi, tutti i produttori di caffè dell'Espírito Santo stanno facendo un lavoro brillante. Vent'anni fa eravamo i produttori dei peggiori caffè del mondo. Oggi, la situazione è opposta: l'Espírito Santo è orgoglioso di dire che abbiamo i migliori caffè del mondo.

È un'eredità costruita con lo sforzo, il pionierismo e la conoscenza di generazioni di capixabas discendenti di italiani, tedeschi e polacchi, ad esempio. Ciò che abbiamo visto costruire più di un secolo fa ci ha certamente portato alla situazione attuale.

È una responsabilità, un'eredità e un successo che gli italo-capixabas condividono con tutti gli altri immigrati nella formazione dello Stato: abbiamo contribuito alla diffusione della cultura del caffè, abbiamo rivoluzionato il nostro modo di produrre e siamo diventati leader in termini di qualità.

Deposizione concessa al giornalista Jonathas Gomes.

Tradotto in italiano tramite intelligenza artificial

Per leggere questo articolo in portoghese, clicca qui

Chi è?

- Bento Venturim, 76 anni, è presidente del Sicoob-ES e vicepresidente dell'istituto finanziario cooperativo a livello nazionale.

- Nipote di italiano, l'imprenditore è nato a Venda Nova do Imigrante ed è un appassionato delle azioni volte a migliorare la qualità del caffè dell'Espírito Santo.

- In qualità di dirigente del Sicoob-ES, Venturim guida attività volte allo sviluppo delle diverse regioni dello Stato, così come progetti di responsabilità socio-ambientale.


Imagem ilustrativa da imagem Bento Venturim: L'arrivo degli italiani ha cambiato l'economia dell'Espírito Santo
Tutte le grandi famiglie italiane fuggivano dalle difficoltà del dopoguerra. Nonostante il contesto, abbiamo costruito ricordi indimenticabili. |  Foto: Archivio Personale


Imagem ilustrativa da imagem Bento Venturim: L'arrivo degli italiani ha cambiato l'economia dell'Espírito Santo
L'antica agenzia del Sicoob-ES: la cooperativa celebra 35 anni riunendo più di 720.000 associati. |  Foto: Archivio Personale


Imagem ilustrativa da imagem Bento Venturim: L'arrivo degli italiani ha cambiato l'economia dell'Espírito Santo
Firma della Costituzione della cooperativa Sicoob-ES |  Foto: Archivio Personale


Imagem ilustrativa da imagem Bento Venturim: L'arrivo degli italiani ha cambiato l'economia dell'Espírito Santo
Convegno delle centrali delle cooperative di credito, a Vitória, nell'anno 1993 |  Foto: Archivio Personale


Imagem ilustrativa da imagem Bento Venturim: L'arrivo degli italiani ha cambiato l'economia dell'Espírito Santo
Il coppia Bento Venturim e Rosa Maria Caser Venturim con i figli Isaac Bento, Francisco Giovanni e Lucas Henrique Caser Venturim. |  Foto: Archivio Personale

Storia

- Il SICOOB-ES celebra 35 anni quest'anno e, nel 2023, è stato riconosciuto come il Maggiore Gruppo Aziendale dello Stato, secondo l'Annuario IEL delle 200 Migliori e Migliori Aziende dell'Espírito Santo.

- Parte di uno dei 14 sistemi regionali del Paese, il Sicoob-ES conta più di 720.000 soci e, nel terzo trimestre dell'anno scorso, ha raggiunto un traguardo storico di R$ 20 miliardi in attività.

- Il Sistema Regionale con sede nell'Espírito Santo opera anche in Rio de Janeiro, Bahia e São José dos Campos, a São Paulo, attraverso sei cooperative singole: Sul-Litoraneo, Sul, Coopermais, Sul-Serrano, Credirochas e Conexão.

- Nel corso del 2023, il Sicoob-ES ha ampliato la sua presenza con l'apertura di 16 nuovi punti di servizio in varie località e ha chiuso l'anno con un totale di 188 punti di servizio distribuiti nei quattro stati.

- Il SICOOB-ES fa parte di un sistema nazionale che conta più di 7,7 milioni di soci, presente in tutti gli stati brasiliani e nel Distretto Federale.

- Il sistema occupa il primo posto tra le istituzioni finanziarie con il maggior numero di agenzie in Brasile, superando i 4.600 punti di servizio e celebrando il fatto di essere l'unica istituzione finanziaria presente in più di 400 comuni.

Fonte: Sicoob-ES.


Imagem ilustrativa da imagem Bento Venturim: L'arrivo degli italiani ha cambiato l'economia dell'Espírito Santo
Bento Venturim guida attività volte allo sviluppo delle diverse regioni dello Stato, così come dei progetti di responsabilità socioambientale del Sicoob-ES. |  Foto: Archivio Personale

Celebrazione

Nei prossimi giorni, "O Que Eu Vi e Vivi" aprirà una pagina nella storia dei 150 anni dell'immigrazione italiana nello Stato dell'Espírito Santo e presenterà personalità che hanno vissuto o ascoltato racconti dei loro antenati.

Si tratta di storie di vite, culture, tradizioni e sviluppo. La rete Tribuna si sente onorata di far parte di questo percorso, contribuendo alla conservazione e diffusione della nostra memoria.

Il progetto "150 Anni dell'Immigrazione Italiana nello Stato dell'Espírito Santo" porterà al pubblico un contenuto ricchissimo, con informazioni sull'arrivo degli immigrati italiani sul suolo capixaba.

Saranno trasmessi video su TV Tribuna/SBT, articoli sul giornale A Tribuna, webserie sul portale Tribuna Online e sulle radio Tribuna FM e Legal FM.

Segui questo coinvolgente viaggio nelle radici italiane nello Stato dell'Espírito Santo!

MATÉRIAS RELACIONADAS:

Comentários

Os comentários são de responsabilidade exclusiva de seus autores e não representam a opinião deste site. Leia os termos de uso

SUGERIMOS PARA VOCÊ: