X

Olá! Você atingiu o número máximo de leituras de nossas matérias especiais.

Para ganhar 90 dias de acesso gratuito para ler nosso conteúdo premium, basta preencher os campos abaixo.

Já possui conta?

Login

Esqueci minha senha

Não tem conta? Acesse e saiba como!

Atualize seus dados

Pernambuco
arrow-icon
  • gps-icon Pernambuco
  • gps-icon Espírito Santo
Pernambuco
arrow-icon
  • gps-icon Pernambuco
  • gps-icon Espírito Santo
Espírito Santo
arrow-icon
  • gps-icon Pernambuco
  • gps-icon Espírito Santo
Espírito Santo
arrow-icon
  • gps-icon Pernambuco
  • gps-icon Espírito Santo
Fundo Fundo

Nilton Chieppe: "Gli italiani aiutarono a costruire nostro Stato"

Il imprenditore Nilton Chieppe, 79 anni, racconta che i suoi bisnonni arrivarono nello Stato dell'Espírito Santo tra la fine del 1888 e l'inizio del


"Una storia costruita su valori solidi è una delle più grandi virtù della vita. Quando gli immigrati italiani, inclusa la mia famiglia, arrivarono nell'Espírito Santo per contribuire alla costruzione dell'America, trasformarono il bagaglio culturale che portavano in un contributo inestimabile alla cultura brasiliana. Posso dire che nel corso degli anni ho visto le famiglie italiane contribuire alla costruzione dell'Espírito Santo.


Imagem ilustrativa da imagem Nilton Chieppe: "Gli italiani aiutarono a costruire nostro Stato"
Nilton Chieppe: "Abbiamo costruito una famiglia a Colatina. Ho bei ricordi della mia infanzia." |  Foto: Leone Iglesias/AT

Famiglia

I miei bisnonni arrivarono nell'Espírito Santo tra la fine del 1888 e l'inizio del 1889. In quel periodo, l'Italia stava affrontando le conseguenze socioeconomiche della decentralizzazione del territorio e della mancanza di colonie in altri continenti, come avevano la Francia, l'Inghilterra e il Portogallo, ad esempio.

C'erano promesse di eccellenti opportunità nel raggiungere la nuova terra, ma non si sono materializzate. Mio bisnonno, Domenico Chieppe, decise di venire in Brasile a causa delle informazioni diffuse in Italia. Si diceva che l'immigrazione fosse verso l'America, ma non si sapeva se a nord o a sud. Ad esempio, il suo documento di autorizzazione al trasferimento non specificava quale fosse l'America.

Nell'Espírito Santo, abbiamo costruito una famiglia a Colatina. Ho bei ricordi della mia infanzia. In quel periodo, avevamo attività quotidiane come allevamento di polli, maiali, bovini, ecc. C'era tempo per tutto: andavo a scuola, facevo i compiti, mi occupavo delle attività della proprietà e giocavo a calcio. È stata una vita molto sana, felice e divertente. Sono quindi la quarta generazione di Chieppe. Le mie figlie fanno parte della quinta e i miei nove nipoti della sesta generazione.

Águia Branca

Mio padre iniziò a lavorare per conto proprio a 42 anni. All'epoca, era comune aiutare tutta la famiglia prima di costruire la propria vita. A causa di ciò, doveva accumulare capitale rapidamente. Guardò intorno, vide molti produttori nella regione e nessuno che trasportasse i prodotti.

Invece di avviare una nuova proprietà, decise di acquistare mandrie di animali e trasportare i prodotti dei vicini. Dalla crisi, creò una soluzione. Fu un visionario, un vero imprenditore. All'inizio, vivevamo in una casa fatta di tavole semplici. In seguito, riuscì a costruire una casa più confortevole, che esiste ancora oggi.

Nel 1946, mio padre acquistò il primo autobus per il trasporto passeggeri. Per questo consideriamo quest'anno come la data della nostra fondazione, ma in realtà furono i miei tre fratelli più grandi - Vallecio, Aylmer e Wander – che in seguito si impegnavano più saldamente in questo settore e comprarono la già esistente Viação Águia Branca, la prima delle attività del Gruppo Águia Branca.

Mi unii ai fratelli maggiori anni dopo, insieme a Wagner, il più giovane. Molti dei valori della famiglia Chieppe si sono trasformati in valori aziendali, come il rispetto per gli altri, la tradizione, il leadership, l'innovazione, l'etica e l'integrazione con la comunità. E anche la valorizzazione delle risorse interne, perché il Gruppo Águia Branca si è consolidato con il supporto di un grande team di professionisti.

Come la mia famiglia, molte altre famiglie italo-capixabe hanno contribuito alla formazione dell'Espírito Santo. Non sempre questa connessione storica tra l'Espírito Santo e l'Italia è stata valorizzata, tuttavia.


Imagem ilustrativa da imagem Nilton Chieppe: "Gli italiani aiutarono a costruire nostro Stato"
La Famiglia Chieppe è arrivata nello Stato dell'Espírito Santo tra la fine del 1888 e l'inizio del 1889 |  Foto: Acervo pessoal

Italo-capixabe

C'era un tempo in cui la colonia italiana nello Stato era molto trascurata. In passato, c'era un programma che portava i discendenti a visitare la terra d'origine. Credo che ciò abbia suscitato in molte persone la necessità di avvicinare l'Espírito Santo e l'Italia, e così si cominciò a chiedere una rappresentanza consolare nello Stato. Ho fatto parte del comitato degli italiani nell'Espírito Santo e nel Rio de Janeiro per un mandato.

Altri stati con una densità di discendenti molto inferiore alla nostra avevano questa rappresentanza consolare. Per molto tempo, la richiesta è stata respinta con argomentazioni come la mancanza di bilancio, soprattutto con la creazione dell'Unione Europea, momento in cui l'Italia aveva un deficit pubblico molto elevato. La nostra richiesta, nonostante quel contesto, guadagnava forza nelle nuove generazioni.

Abbiamo reclamato il consolato direttamente a una persona dell'ambasciata italiana in Brasile, informandola dell'abbandono che stavamo vivendo e, attraverso questa persona, abbiamo scoperto i canali per trasformare il nostro desiderio in realtà. Siamo una discendenza con più di 100 anni di integrazione con il popolo brasiliano. C'è più nostalgia che una relazione molto stretta con l'Italia oggi. Nessun discendente tiferà per l'Italia in una partita di calcio contro il Brasile, ad esempio.

Valorizzazione della memoria

Tuttavia, le nostre radici esistono nella cucina, nelle usanze, nelle relazioni familiari e nella storia. Siamo brasiliani, ma non possiamo perdere i valori dei nostri antenati. La memoria è un patrimonio importante di un popolo. La vicinanza tra gli italo-capixabi e l'Italia è anche un canale importante per far parte della comunità europea, per avere opportunità nelle università all'estero e per mantenere viva la memoria della nostra storia."

  • Câmera 1/4
    "La mia famiglia è arrivata nello Stato dell'Espírito Santo su una nave chiamata Adria, tra la fine del 1888 e l'inizio del 1889, con il sogno di avere maggiori opportunità di vita in America"
    Fullscreen
  • Câmera 2/4
    Carlos Chieppe e Dona Nilde, genitori di Nilton Chieppe
    Fullscreen
  • Câmera 3/4
    Il primo autobus della compagnia Águia Branca, che portava il nome di "Auto Viação 13
    Fullscreen
  • Câmera 4/4
    Costruito per accogliere gli immigrati europei nel XX secolo, l'Istituto di Riabilitazione Sociale (IRS) si chiamava "Emigrazione
    Fullscreen
  • Nilton Chieppe: "Gli italiani aiutarono a costruire nostro Stato"
  • Nilton Chieppe: "Gli italiani aiutarono a costruire nostro Stato"
  • Nilton Chieppe: "Gli italiani aiutarono a costruire nostro Stato"
  • Nilton Chieppe: "Gli italiani aiutarono a costruire nostro Stato"
Nilton Chieppe: "Gli italiani aiutarono a costruire nostro Stato" Nilton Chieppe: "Gli italiani aiutarono a costruire nostro Stato" Nilton Chieppe: "Gli italiani aiutarono a costruire nostro Stato" Nilton Chieppe: "Gli italiani aiutarono a costruire nostro Stato"

Immigrazione Chieppe


Imagem ilustrativa da imagem Nilton Chieppe: "Gli italiani aiutarono a costruire nostro Stato"
Nilton Chieppe è imprenditore, architetto e membro del Consiglio degli Azionisti del Grupo Águia Branca. Si dedica al business iniziato dal padre da 53 anni. O que eu vi e vivi "imigração italiana construiu o Espírito Santo" Na foto o Dr Nilton Chieppe Foto: Leone Iglesias |  Foto: Leone Iglesias/AT

Storia

Quando Domenico Chieppe salpò per l'America nel 1888, non avrebbe mai potuto immaginare che i suoi discendenti avrebbero costruito nello Stato dell'Espírito Santo uno dei più grandi conglomerati economici del Brasile: il Grupo Águia Branca.

Fondato nel 1946, nel comune di Colatina, il gruppo opera in tutto il Brasile nei servizi di trasporto su strada di passeggeri, logistica e commercio di veicoli, generando oltre 18.000 posti di lavoro.

La gestione avviene attraverso tre divisioni commerciali, ciascuna specializzata in base alle caratteristiche di ciascun settore: Passeggeri, Logistica e Commercio.

Fanno parte del Grupo Águia Branca: Agaxtur, Águia Flex, Autoport, Azul Agro, EBEC, Go Drive, Go Green, Kyoto, Kurumá, Let´s, Osaka, Savana, Servicarga, Squad, Viação Águia Branca, Vitória Diesel, Vitória Motors Jeep, Vitória Motors BYD, Vitória Motors Mercedes-Benz, VIX Par, VIX Logística, V1 e We Safety.

Oltre alle attività commerciali, il gruppo gestisce anche un importante programma di conservazione ambientale attraverso la Reserva Águia Branca, situata tra i parchi statali di Forno Grande e Pedra Azul, nel comune di Vargem Alta, nella regione montuosa dell'Espírito Santo.

Si tratta di un'area di oltre 2.200 ettari di un importante residuo di Mata Atlântica, con una vasta diversità di fauna e flora, decine di sorgenti d'acqua e corsi d'acqua e una vasta copertura vegetale.

Nel 2021, il Grupo Águia Branca ha lanciato il primo progetto dedicato alla produzione di energia pulita, AB Energias Renováveis, un consorzio formato dalle aziende del gruppo con l'obiettivo di generare energia solare per soddisfare le esigenze del gruppo stesso.

Celebrazione

Nei prossimi giorni, "O Que Eu Vi e Vivi" apre una pagina nella storia dei 150 anni dell'immigrazione italiana nello Stato dell'Espírito Santo e presenta personalità che hanno vissuto o sentito racconti dei loro antenati.

Sono storie di vite, culture, tradizioni e sviluppo. La rete Tribuna si sente onorata di far parte di questa traiettoria, contribuendo alla conservazione e diffusione della nostra memoria.

Il progetto "150 Anos da Imigração Italiana no Espírito Santo" porterà al pubblico un contenuto ricchissimo, con informazioni sull'arrivo degli immigrati italiani sul suolo capixaba.

Saranno trasmessi video su TV Tribuna/SBT, articoli sul giornale A Tribuna, webserie sul portale Tribuna Online e sulle radio Tribuna FM e Legal FM. Seguite questa coinvolgente avventura nelle radici italiane nello Stato dell'Espírito Santo!

Depoimento fornito al giornalista Jonathas Gomes

Tradotto in italiano tramite intelligenza artificial

Per leggere questo articolo in portoghese, clicca qui

Comentários

Os comentários são de responsabilidade exclusiva de seus autores e não representam a opinião deste site. Leia os termos de uso

SUGERIMOS PARA VOCÊ: